IL PIACERE dell’ OSPITALITA’

 

“Convier quelqu’un c’est se charger de son bonheur pendant tout le temps qu’ il est sous notre toit”
(J. A. Brillat -Savarin, “Phisiologie du gout”, Bruxelles 1825).

 

Un invito, quindi, sarà sempre un’occasione per apprezzare lo spirito dell’ospitalità, che è semplicità, cura, garbo ed eleganza, elementi che da sempre contraddistinguono lo stile italiano.

Un’apparecchiatura elegante e raffinata diventa uno strumento per meravigliare, sollecitare la curiosità e la fantasia, predisporre gli ospiti a nuove combinazioni di emozioni e al gusto di ciò che viene offerto.

La piacevolezza non è riconducibile a un unico aspetto, ma è un insieme di elementi che creano l’atmosfera: è ciò che fa star bene senza sapere esattamente perché.

Ospitalità significa quindi massima cura nel soddisfare gli ospiti, nell’offrire loro occasioni di benessere attraverso la ricerca dell’ ECCELLENZA e la cura del dettaglio, per un’ armonia il più possibile perfetta dell’ insieme, un insieme volto alla sobrietà e alla semplicità, segni distintivi di classe ed eleganza. Ricevere quindi con la gioia di condividere con i nostri ospiti il meglio di cui disponiamo in casa, non in modo compassato e formale, ma libero e creativo nel rifiuto di ogni convenzione. Eclettismo, sensibilità e immaginazione si fondono in quell’insieme dove spesso un dettaglio inatteso sorprende e allaccia un dialogo tra gli esseri e le cose.

Ogni tavola deve essere un regalo per gli occhi e per il palato, ma anche consacrazione dell’amicizia e dell’ ospitalità in un contesto raccolto e sontuoso dove fantasia e piacere regnano sovrani, dove la sorpresa a volte può essere data da quell’oggetto che si distingue e si integra perfettamente nell’armonia, un oggetto con la sua bellezza intrinseca, a prescindere dal materiale e dal prezzo. Il valore effettivo degli oggetti passa quindi in secondo piano:

si tratta di oggetti di valore estetico, culturale e soprattutto affettivo che raccontano la storia di una passione improvvisa, di un’ emozione. Essi riflettono l’amore per l’eccellenza e per una qualità della vita da cui traspaiono gioia di vivere, felicità di ricevere e di condividere.

Riproduzione riservata

Maria Pia Montanari